Particelle modali

In tedesco si trova una quantità di paroline di cui è difficile dare una traduzione esatta. Sono le particelle modali. Queste parole non agiscono sul piano del significato della frase, ma esprimono l’atteggiamento del parlante verso ciò che dice. Hanno quindi il compito di dare una particolare connotazione, un certo sapore ad una frase. In effetti una volta si chiamavano “Würzwörter” (Gewürze = le spezie)!
Le particelle modali in genere provengono dalla classe degli avverbi e si comportano come loro. Tuttavia c’è una grande differenza funzionale.

 

La posizione delle particelle modali nella frase non è rigidissima. In genere stanno nella parte centrale della frase, dopo il verbo finito e prima degli altri avverbi.
Non è il capitolo più facile della lingua tedesca – anche i tedeschi hanno difficoltà a spiegare i significati delle particelle! – , ma siccome queste paroline sono molto frequenti nella lingua parlata, ve ne presentiamo almeno le più frequenti particelle modali.

 

La particella modale ja può esprimere

– che il parlante è sorpreso da un fatto: Es ist ja schon hell! (implicando: Oh, pensavo fosse ancora buio fuori!)
– che il parlante parla di un fatto che secondo lui è già noto a tutti: Ich habe ja bereits angedeutet, dass… (implicando: Come avrete sentito prima).

 

denn come particella modale

Si usa soprattutto nelle domande. Qui dipende moltissimo dal tono: può assumere la funzione di mostrare maggiore interesse, sorpresa, impazienza… provate un po’ a pronunciare questa frase con diversi toni!
Woher hast du das denn? (Dove hai preso quella cosa?)
L’accento frasale può cadere su quasi tutte le parole della frase; suona comunque particolarmente naturale farlo cadere sul “das”; così la sorpresa, impazienza ecc. si riferisce all’oggetto che l’interlocutore fa vedere al parlante.

 

halt e eben

Esprimono che un fatto è noto al parlante (e probabilmente anche agli interlocutori) e che questo fatto è definitivo. Può quindi contenere rassegnazione, ma non solo in senso negativo. Potrebbe dire una signora anziana con un’espressione allegra:
Ich bin eben schon 80 Jahre alt (– è per questo che non posso venire in montagna con voi, ma non fa niente!);
o un ragazzino dopo una partita persa: Dann muss ich halt fürs nächste Mal noch besser trainieren (anche se sarà dura, ma non c’è altra scelta).

 

auch

Si usa soprattutto per le spiegazioni.
Sie kann super Deutsch! – Sie hat ja auch zwei Jahre in Berlin gelebt! (hai ragione, e si capisce perché…)
Notate qui la combinazione delle particelle „ja“ (lo sappiamo tutti che ha vissuto in Germania) e „auch“ (è ovvio perché è brava con il tedesco).

 

doch

Con la particella doch si cerca di eliminare a priori un’eventuale obiezione e di assicurarsi dell’assenso da parte dell’interlocutore. È come se si aggiungesse alla frase: “Devi essere d’accordo con me”. A seconda del tono, una frase con “doch” può suonare un po’ impaziente, ma anche semplicemente convincente o incoraggiante.
Wie alt bist du? – Das habe ich dir doch schon erzählt! (anche se te ne sei dimenticato)
Ich schaffe das nicht. – Versuch es doch nochmal! (anche se ora ti sembra che non possa funzionare)
Du bist doch Geographielehrer, oder? (in attesa di una risposta affermativa)

 

 

GRAMMATICA TEDESCA - MENU COMPLETO

 


Wähle den richtigen Partikel aus.

Puoi scaricare la grammatica tedesca  in un pratico  PDF e tanti esercizi con soluzioni nel SHOP:

DEUTSCH-SHOP: MENU COMPLETO

 

1 commento su “Particelle modali”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su