Eventi culturali anno 2021

Il programma culturale è organizzato con il gentile contributo del Goethe-Institut. 
 

 

 

 

Venerdì 9 aprile ore 20:30 spazio ai giovani germanisti: Ferdinando Alfieri presenta il progetto “auf gut Deutsch”

Sempre più italiani decidono di affrontare lo studio della lingua tedesca, considerata una carta importante per il mercato del lavoro. Eppure, la Germania sembra attirare sempre meno l’interesse delle nuove generazioni. Il paese continua a essere raccontato soprattutto con i soliti stereotipi, che ormai non riescono più a spiegare una società e una cultura in trasformazione.
Da queste considerazioni nasce il progetto editoriale di “Auf gut Deutsch!”, a cura del giovane germanista Ferdinando Alfieri. Con un podcast e una newsletter, Ferdinando Alfieri cerca di diffondere un diverso approccio al mondo di lingua tedesca e promuovere una conoscenza autentica e oltre i soliti stereotipi.
Nel corso della serata, oltre alla presentazione del progetto editoriale, ci sarà spazio per sfatare insieme al pubblico alcuni falsi miti sulla Germania di oggi e confrontarci su un diverso modo di raccontare questo Paese. Per accreditarsi all’evento Zoom che è libero e aperto a tutti è necessario scrivere a: [email protected]

 

Venerdì 16 aprile ore 20:30 incontro con Katharina Volckmer autrice del best seller “Un cazzo ebreo”

In un elegante studio medico di Londra, una giovane donna è distesa sul lettino e parla con il medico a cui ha affidato la scelta più radicale e rivoluzionaria della sua vita. Inizia così il romanzo sovversivo, irriverente e audace di Katharina Volckmer: un flusso di pensieri che la protagonista, nata e cresciuta in Germania e trasferitasi a Londra, fa sbandare vorticosamente tra inconfessabili fantasie sessuali con protagonista Hitler, idiosincrasie folli e liberatorie, la memoria di una madre autoritaria e di un padre volatile, la vergogna di un’eredità irrimediabile, il senso di isolamento in una società che ci vuole per forza normali, privi di contraddizioni nei nostri corpi felici, e il racconto di un amore non convenzionale, mai sufficiente, eppure totale.
Con ironia e schiettezza la protagonista irresistibile di Un cazzo ebreo mette a nudo il nucleo più disarmato della propria vita interiore, si interroga sul potere della riparazione e ci mostra come possiamo rimediare ai fatti della storia con le nostre più intime scelte personali. Katharina Volckmer esordisce con un’opera prima di grande potenza profilandosi come una fra le più interssanti voci letterarie contemporanee. 
“The Appointment” tradotto in Italiano con il provocativo “Un cazzo ebreo” sancisce l’ esordio esplosivo di una nuova grande voce letteraria internazionale. Katharina Volkmer sarà con noi via Zoom e interloqiirà con la moderatrice Laura Forti, scrittrice e drammaturga italiana che da sempre si occupa di Shoah e del tema della memoria.

L’evento è libero e aperto a tutti fino a esaurimento dei posti. Per accreditarsi e ricevere il link di collegamento scrivere a: [email protected]

 

Venerdì 23 aprile ore 20:00 “Hannover historisch und aktuell” – Conosciamo la città di Hannover- Un evento della serie “Die Europäer sprechen miteinander” organizzato in partnership con l’associazione culturale italo-tedesca di Hannover

In collaborazione con la Deutsch-Italienische Kulturgesellschaft di Hannover (Associazione Italo-tedesca di Hannover che promuove la lingua italiana e l’incontro fra la cultura tedesca e quella italiana ad Hannover) presenteremo questa sera la città di Hannover. In collegamento dalla Germania ci saranno i relatori Professore Peter Antes presidente della stessa associazione e il Dottor Rainer Grimm pittore e docente di materie artistiche. Da Firenze la testimonianza del concittadino Valerio Parigi che ad Hannover ha vissuto, lavorato come consulente aziendale e creato una famiglia con una compagna tedesca. In questo collegamento verrà presentata la città nella sua attualità, i suoi punti di forza, la sua economia, le possibilità di studio e di lavoro, il suo ricco humus culturale. Allo stesso tempo il Dottor Grimm farà un excursus storico per mettere in luce i momenti in cui la vita artistica di Hannover è venuta in contatto con il mondo italiano arricchendosi di suggestioni e influenze. In un momento in cui la pandemia ci costringe a “viaggiare da fermi”, avremo la possibilità di entrare nel cuore di questa città e di vivere anche se per un breve periodo un altrove nella speranza di riprendere presto le nostre vecchie abitudini. L’incontro è libero e aperto a tutti. Per ottenere il link di Zoom scrivere a: [email protected]

 

Venerdì 30 aprile una lezione in musica di Fiorentina Ensemble: “Johann Sebstian Bach e Georg Friedrich Händel, due Maestri del Barocco a confronto”

Una lezione di musica con brani eseguiti dal vivo delle due massime personalità della musica barocca: Johann Sebastian Bach e Georg Friedrich Händel. Questi due geni assoluti della musica sono la sintesi delperiodo barocco ed esprimono a pieno i suoi valori e i suoi contrasti. Mentre Bach rappresenta l’anima mistica del barocco, Händel è l’anima realista, esuberante, aperta alle novità dell’epoca. I Maestri di Fiorentina Ensemble Samuel Peron (oboe), Debora Tempestini (pianoforte) e Matteo Romoli (flauto traverso) ci introdurranno alla vita, al periodo, alle scelte compositive di questi due pilastri della musica patrimonio dell’umanità. La parte descrittiva sarà inframezzata dall’esecuzione di brani dal vivo.

Il collegamento con il nostro istituto avverrà tramite zoom. L’ evento è libero ed aperto a tutti. Per accreditarsi scrivere a: [email protected]

 

 

Venerdì 14 maggio ore 10:00 Matinee per gli studenti delle scuole. Irene Martinelli presenta: “La funzione dell’arte nei regimi totalitari”

Il nazionalsocialismo e il fascismo come pure i regimi comunisti hanno sempre usato l’arte per veicolare i loro messaggi propagandistici e promuovere la loro estetica fondata sul vigore, la prestanza fisica, il ruolo riproduttivo e subalterno della donna. Spesso regimi molto differenti sono stati accomunati da uno stile iconografico affine come pure dalla predilezione per alcuni scenari ricorrenti. In questa conferenza che segue idealmente il primo incontro di questo ciclo di “Il potere e l’immagine” la storica dell’arte Irene Martinelli ci guiderà in un percorso che partendo dalla Germania e dall’Italia degli anni ’30 e ’40 arriva fino alla Russia e alla Cina. L’evento è proposto in matinee per gli studenti delle scuole superiori. Al termine della conferenza la Professoressa Irene Martinelli sarà a disposizione dei ragazzi per accogliere le loro domande e le loro riflessioni. Per iscrivere la propria classe o singoli alunni a questo evento gratuito scrivere a: [email protected]

Eventi passati 2021:

Venerdì 26 marzo ore 20: 30 Paolo Spennato e Emanuele Brilli in: “La Marchesa di O.” lettura recitata di un classico di Heinrich von Kleist

“La Marchesa di O” del 1808 è il racconto più famoso di Heinrich von Kleist nel quale è narrata con grande forza emotiva la singolare vicenda di Giulietta O. vittima di un’avventura al limite del credibile. Il “fatto inaudito” avviene in una non precisata cittadina dell’Italia settentrionale.

La Marchesa di O. già vedova e madre di due bambini si ritrova incinta senza sapere chi sia il padre della creatura che porta in grembo. Non trovando pace la donna arriva a pubblicare con la forza del suo sentirsi innocente un annuncio sul giornale al fine di esortare il padre a farsi avanti.

In questa lettura l’attore Paolo Spennato accompagnato dal violinista Emanuele Brilli farà rivivere le vicissitudini e il tormento di questa donna di epoca romantica in lotta fra la morale borghese e il selvaggio mondo dei sentimenti umani.

Per accreditarsi all’evento che è gratuito e aperto a tutti scrivere a: [email protected]t.it

Venerdì 19 marzo ore 20:30 ” La cultura dell’esilio” – lo sguardo di Moni Ovadia sulla cultura  ebraica della Mitteleuropa-

Moni Ovadia, oggi è considerato uno dei più prestigiosi e popolari uomini di cultura ed  artisti della scena italiana. Il suo teatro musicale, ispirato alla cultura yiddish che ha
contribuito a fare conoscere e di cui ha dato una lettura contemporanea, è unico nel suo genere, in Italia ed in Europa.Moni Ovadia è anche noto per il suo costante impegno politico e civile a sostegno dei diritti e della pace ed è un punto di riferimento per le giovani generazioni. In questo incontro con il pubblico di Deutsches Institut Florenz l’accento sarà posto sulla cultura dell’esilio e sulle sue considerazioni sulla cultura ebraica della Mitteleuropa. L’incontro sarà su piattaforma Zoom, è gratuito e aperto a tutti fino a esaurimento posti. Per ottenere le credenziali di accesso scrivere a: [email protected]

Venerdì 12 marzo ore 20:30 Francesco Cristino presenta:“La Repubblica di Sabbiolino” -60 anni di storia tedesca fra est e ovest visti con gli occhi dell’infanzia-

Con la caduta del muro di Berlino tutti i simboli della DDR sono stati progressivamente sostituiti da prodotti e stili di vita di impronta occidentale. Solo Unser Sandmännchen (‘il nostro Sabbiolino’) protagonista dell’allora carosello della TV di Stato è sopravvisuto alla “Wende” ed è forse l’unico prodotto frutto della creatività dell’est ad essere stato importato all’ovest nonché esportato con enorme successo in molti Paesi occidentali. Come tutti i prodotti della propaganda, anche Sabbiolino era pensato per far crescere le nuove generazioni nel mito del socialismo e ciò nonostante è riuscito a rimanere un punto di riferimento per bambini e adulti della nuova Germania unita. Das Sandmännchen è anche un’immagine cult di quella particolare nostalgia chiamata “Ostalgie”, ovvero il malinconioco sentimento che ancora lega molti tedeschi dell’est per la Patria comunista di un tempo. Francesco Cristino giornalista Rai e vice-caporedattore del Tg1 affascinato da questa figura ha deciso di dedicargli un saggio che egli stesso definisce “storico-pop” nel quale con gli occhi dell’infanzia si ripercorrono 60 anni di storia tedesca. L’incontro con Francesco Cristino su piattaforma Zoom è libero e aperto a tutti. Per accreditarsi all’evento scrivere a: [email protected]

archivio 2018, archivio 2019, archivio 2020

Venerdì 1 marzo ore 10:00 matinée dedicata agli studenti delle scuole: “L’estetica nazista e l’arte degenerata”

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è collage-arte-degenerata-533x400.jpg

In seguito al grande successo ottenuto dalla serata del 15 gennaio la storica dell’arte Irene Martinelli ripropone la sua conferenza rivista e riadattata a beneficio degli studenti delle scuole superiori. La presentazione focalizzata sulle imposizioni di un gusto estetico di regime al quale si opponeva la libera ricerca espressiva di artisti non allineati ha la durata di circa un’ora. Al termine i ragazzi potranno le loro domande e riflessioni  alla dottoressa Martinelli. Per prenotare la propria classe al seminario su piattaforma zoom scrivere a: [email protected]

Venerdì 26 febbraio ore 20:30 “CONVERGENZE” un progetto di e con Valerio Parigi

Valerio Parigi, fiorentino è di casa in entrambe le culture. Negli anni che vanno dagli ’80 al 2000 vive in varie città tedesche dove il suo percorso privato si intreccia con l’attività professionale di consulente aziendale. Negli anni ha mantenuto forti legami con il mondo mitteleuropeo del quale conosce molto bene aspetti culturali, sociali e storici.

Il progetto “Convergenze” da lui ideato consta di vari appuntamenti nei quali si vuole mettere in luce dei momenti nei quali le nostre culture sono venute a contatto influenzandosi ed arricchendosi reciprocamente a vari livelli .

Nella prima conferenza Parigi con l’ausilio di materiale video e audio metterà in luce come la musica tedesca e quella italiana si sono incontrare dal barocco alla dodecafonia  passando velocemente per Mozart, Beethoven, Verdi, Wagner e Puccini.

Ci sarà poi un repentino salto in avanti in tempi inquieti del secondo ‘900 quando la Germania sfornava la musica progressiva dei Tangerine Dream&C, Weather Report con Zawinul mentre a Milano al parco Lambro si sperimentava l’esperienza della Woodstock italiana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ci sarà poi un repentino salto in avanti in tempi inquieti del secondo ‘900 quando la Germania sfornava la musica progressiva dei Tangerine Dream&C, Weather Report con Zawinul mentre a Milano al parco Lambro si sperimentava l’esperienza della Woodstock italiana.

Le opere dell’artista italo-tedesca Marilena Faraci in un percorso guidato fino al 21 febbraio alla Galleria Immaginaria in via Guelfa 22/a/r

Marilena Faraci
Galleria Immaginaria, Via Guelfa 22a/r, Firenze
Mostra nel contesto del progetto “Doubt Thou the stars are fire”dedicato a Henrietta Swan Leavitt per la Giornata Internazionale delle Donne nella Scienza 2021 – a cura di Elisabeth Vermeer

„Without Colors/Senza Colori”
Composizioni con olio e bitume su carta, 8 x cm 40×30 e 2x cm 50×70

Dopo la partecipazione alla mostra “Cibarie Leonardesche” per il 500.anniversario della morte di Leonardo da Vinci, l’artista italo-tedesca Marilena Faraci torna a Firenze, su invito della curatrice Elisabeth Vermeer, con una raffinata selezione di lavori dedicati all’astronoma Henrietta Swan Leavitt.

La Galleria Immaginaria ospita le sue opere a partire dall’11 febbraio che coincide con la Giornata Internazionale delle Donne nella Scienza.

L’artista ispirata dalla ricerca di Leavitt propone un serie di carte con olio e bitume diluito, espressione del suo gesto pittorico spontaneo creando dei movimenti affascinanti sul materiale di supporto come le traiettorie dei pianeti e dei loro trabanti in cielo. Spesso osserva il flusso dei liquidi senza provocare un certo orientamento.

Nel contesto dell’astronomia i lavori di Marilena Faraci generano una tensione interessante tra la qualità terrosa del bitume e l’universo apparentemente etereo delle stelle.

La mostra resterà allestita fino al 21 febbraio. La visita alle opere può essere prenotata in Galleria via email all’indirizzo [email protected] oppure per telefono al numero +39.055. 2654093. La curatrice è presente nei giorni 11 – 12 – 13 febbraio negli orari pomeridiani 15.30/18.30.


Orari di apertura: 10/13 e 15.301719.30 da lunedì a sabato. Galleria Immaginaria Design of the Universe
www.galleriaimmaginaria.com 

Venerdì 12 febbraio ore 20:30 parliamo delle paure e delle ansie indotte dalla minaccia del Covid con la psicologa e psicoterapeuta Dörte Leyser

Nei nostri appuntamenti del venerdì sera abbiamo parlato spesso del tema Covid affrontandolo dal punto di vista delle ripercussioni su economia e società, confrontandoci fra cittadini sul modo che i governi italiano e tedesco hanno avuto di affrontare il problema, abbiamo anche tirato in ballo la filosofia per capire quali risposte ci dà per affrontare una situazione che ribalta il nostro modo di vivere e di guardare al futuro. 

In questo appuntamento insieme alla psicologa e psicoterapeuta Dörte Leyser (una fiorentina di Colonia) facente parte di Sipem SoS Toscana (Società Italiana di Psicologia dell’ emergenza) e del Pronto Soccorso Psicologico di Firenze cercheremo di capire come individuare dentro di noi le risorse che abbiamo per riuscire ad affrontare una situazione complessa e multisfaccettata come quella che ci impone l’emergenza Covid 19.

Questa attività può definirsi una sorta di “viaggio interiore”, che ha come scopo sia di accompagnare i partecipanti nell’individuazione delle proprie risorse (spesso poco conosciute), sia di regalare un momento di rilassamento in grado di farci affrontare meglio la vita quotidiana fra limitazione delle libertà individuali, paura del contagio e ansie per il futuro.

La presentazione è gratuita e aperta a tutti su piattaforma zoom. Per partecipare e ottenere le credenziali di accesso è necessario registrarsi mandando una mail a: [email protected]

Venerdì 5 febbraio ore 20.30 Francesca Zilio ci porta alla scoperta dei luoghi della guerra fredda introducendoci agli itinerari storici di Berlino

Francesca Zilio è ricercatrice presso Villa Vigoni – Centro italo-tedesco per il dialogo europeo. Collabora con enti specializzati nel turismo culturale ideando e guidando viaggi a tema storico. In questo incontro la Dottoressa Zilio ci presenterà il suo ultimo lavoro, ovvero il libro  “Divisione e riunificazione: itinerari storici nella Berlino della Guerra fredda”. Si tratta di un progetto che si propone di non illustrare la storia della Guerra fredda in Germania in modo accademico né cronologico, bensì di accompagnare il lettore lungo itinerari che conducono nei luoghi di Berlino su cui questa storia ha lasciato più tracce.Tanti di essi sono fuori dai percorsi turistici, ma sono stati sede di decisioni fondamentali per la storia della Germania, dell’Europa e del mondo, di negoziati diplomatici e di trattati internazionali. Visiteremo questi luoghi con l’autrice, attraverso le immagini e le mappe pubblicate nel libro.

La presentazione è gratuita e aperta a tutti su piattaforma zoom. Per partecipare e ottenere le credenziali di accesso è necessario registrarsi mandando una mail a: [email protected]

 

Giovedì 28 gennaio ore 21.00 Giornata della Memoria. Laura Forti presenta “Viaggio nel teatro della Shoah nei Paesi di lingua tedesca”

Com’è stata vissuta la Shoah dal dopoguerra a oggi nei paesi di lingua tedesca, Germania e Austria? Proviamo a fare un’indagine storica, culturale e sociale attraverso il teatro. Dall’Istruttoria di Peter Weiss, scritta durante il Processo di Francoforte al teatro di George Tabori, sopravvissuto alla Shoah e maestro per un’intera generazione di attori tedeschi, fino alla rimozione totale da parte dell’Austria rotta soltanto da Wener Kopfler. Una carrellata che passa attraverso spettacoli e testi teatrali ma che racconta anche la presa di coscienza a livello europeo di una delle più grandi tragedie dell’umanità.
Laura Forti dopo una Laurea in Lettere Moderne all’Università di Firenze studia da attrice all Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” di Roma, è autrice teatrale, scrittrice e drammaturga, svolge un’intensa attività di formazione in scuole di teatro e università, a livello nazionale e internazionale.

 

La conferenza si svolgerà in streaming su piattaforma Zoom. L’evento è aperto a tutti su prenotazione a: [email protected]

 

 

 

Venerdì 15 gennaio ore 20.30 conferenza della storica dell’arte Irene Martinelli: “L’ estetica nazista e l’arte degenerata”

 

 

Nel corso dei secoli, il palcoscenico dell’arte è stato costellato da dispute animate e concitate. Gli artisti affermavano così la loro superiorità o soccombevano alla maestria degli altri. Tuttavia, c’è stato un momento della storia, in cui questo clima di dialettica positiva venne considerato dannoso agli occhi dei regimi politici che intervennero, così, con censure talmente radicali da sconvolgere per sempre il mondo dell’arte.
 
Arte di  regime contro arte degenerata,  tradizione contro innovazione, ordine contro ribellione.
Una pagina nera che ebbe risvolti inaspettati e dolorosi. Fortunatamente l’arte ha risorse straordinarie per risorgere ogni volta e trovare nuovi modi per riscattarsi, facendosi strumento di Virtù e Bellezza.
La conferenza si svolgerà in streaming su piattaforma Zoom. L’evento è aperto a tutti su prenotazione a: [email protected]

 

 

 

 

DAL 18 DICEMBRE AL 06 GENNAIO: LA LOTTERIA EUROPEA DELLA BEFANA!

Dentro la calza 4 corsi di lingue! Estrazione l’08 gennaio !

“LA BEFANA VIEN DI NOTTE CON LE SCARPE TUTTE ROTTE E NON SEMBRA ABRUZZESE CON QUEL BELL’ACCENTO INGLESE!E SE FOSSE CANADESE, GIÀ CHE PARLA ANCHE IN FRANCESE?CON LA SUA SMORFIA BIRBONESCA PUÒ APPARIRE ANCHE TEDESCA! MA CHE DITE È CENCIAIOLA, NON PUÒ ESSER CHE SPAGNOLA!”

Ti piacciono le lingue straniere?
Ne vorresti imparare nuova o approfondire una che già hai studiato?
Partecipa alla Lotteria della Befana organizzata da British Institute Florence, Institut français Firenze, Deutsches Institut Florenz e Centro Lengua Española. Iscriviti sul form che trovi qui sotto e ottieni il tuo numero.
Il gioco è aperto a tutti dal 18 dicembre al 6 gennaio.
L’estrazione dei 4 vincitori avverrà online su piattaforma zoom sabato 08 gennaio alle ore 20.
 
In palio un corso di inglese offerto dal British Institute of Florence, un corso di francese online offerto dall’Institut français Firenze, un corso di tedesco online messo a disposizione da Deutsches Institut Florenz e la partecipazione agli incontri online di conversazione in lingua spagnola “El viernes Social” proposti dal Centro Lengua Española. I premi hanno la validità di un anno, da gennaio a dicembre 2021 e potranno anche essere “regalati” a terzi.
Torna su