Pronuncia: “ch” e la Erre

phonetik_ich2

La “ch”

E’ l’unico suono un po’ più difficile perché non esiste nel sistema fonetico italiano: c

Il suono e il luogo di articolazione è comunque molto vicino alla <j> in “Juri” o “Juventus” o alla <gli>.

Provate anche con “iiiijjjjjjch”togliendo la voce (il sonoro) alla jjjj – ma lasciando la lingua tesa nella stessa posizione.

Ascolta e ripeti:


mich – dich – ich – sich – sicher – nicht – nichts – Kirche – endlich – wirklich – Licht – Sicht – kichern – China – Chemie – Schicht – richtig – wichtig – lustig – fünfzig
(me, te, io, se, certo, non, niente, chiesa, finalmente, veramente, luce, vista, ridacchiare, Cina, chimica, strato, corretto, importante, comico, cinquanta)

Ascolta e ripeti:

il suono “ch” si combina anche con altre vocali chiuse
  e/ä  
echt – Recht – rechts – sechzehn – sechzig – Becher – rechnen – ächten – nächtlich
(reale, diritto, destra, sedici, sessanta, vasetto, calcolare, bandire, notturno)

  ei
leicht – weich – schleichen – reich – beichten – seicht – erleichtern – bezeichnen – zeichnen – speichern
(leggero, morbido, andare striscioni, ricco, confessare, poco profondo, alleggerire, denominare, disegnare, immagazzinare)

  eu
euch – Seuche – leuchten – feucht – scheuchen – keuchen – heucheln
(voi (akk.), epidemia, luccicare, umido, scacciare, ansimare, fare l’ipocrita)

  ö/ü  
möchten – ich möchte – du möchtest – Töchter – Löcher – Küche – süchtig – flüchtig – Sprüche
(vorremmo, vorrei, vorresti, figlie, buchi, cucina, dipendente, di sfuggita,detti)

Dopo le vocali aperte a – o – u – la ch si pronuncia “dura” e con la bocca aperta e non crea problemi:
   a – o – u  
machen – lachen – Sachen – Nacht – auch – brauchen – rauchen – Versuch – Geruch – Flucht – doch
(fare, ridere, cose, notte, anche, avere bisogon, fumare, tentativo, odore, fuga, invece sì)

La Erre

blue_chat_bubble_5177La R ha un ruolo piuttosto particolare nella pronuncia: in tedesco cambia il suono a seconda della posizione nella parola.

 

  • Quando è seguita da una vocale o quando sta all’inizio della parola è pronunciata, e la pronuncia nella variante standard è “moscia”. Il suo luogo di articolazione è vicino alla “g”o la “k”. Per imparare a pronunciarla bene provate a dire “ggggrrrrrrr”.

grau, groß, Gras, krank, Kraft, Kralle, Graphik, grün, Rast, Rost, Ring, rot, trinken, tragen, braun, bringen, brauchen, Brust, Braten, Schrift, schreiben, Turin, Florenz, Rom
(grigio, grande/alto, erba, forza, artiglio, grafica, verde, sosta, ruggine, anello, rosso, bere, portare, marrone, portare, petto, arrosto, scrittura, scrivere, Torino, Firenze, Roma)

 

  • Quando invece è seguita da una consonante o quando sta alla fine di una parola, la “r” viene “mangiata” e si pronuncia quasi come una “a” appena accennata e aperta: der = <dea>, er = <ea>, hier = <hia>, gestern = <gestean>, morgen =<moagen>, wir = <via>, Vater = <fata>, ihr = <ia>, war = <vaa>, warten = <waten>

In questo caso, come “parole” contano anche i prefissi o le singole parti di parole composte,  quindi p.es. “ver-ändern” si pronuncia <vea.ändean>, “Meer-enge” diventa <mea.enge> ecc.

Meier, war, Bier, für, sehr, mehr, Meer, Mutter, Butter, Sänger, Spieler, Italiener, aber, der, er, wir, ihr
(Meier, ero/era, birra, per, molto, più, mare, madre, burro, cantante, italiano, ma, il, lui, noi, voi)
Menu Grammatikhäppchen

 

Potrebbero interessarti anche...