Menu
vocabolario

A1A1/A2
B1/B2 C1/C2


zurueck














weiter

verbi 
costruzione
articoli/aggettivi
sostantivi
pronomi
preposizioni
avverbi
pronuncia/numeri
varie





luogo
tempo
verbi con prep
tutti





Esercizi


A1Praeposition13
A1Praeposition14
A1Praeposition15
A1Praeposition16
A1Praeposition17
A1Praeposition18
A1Praeposition19
A1Praeposition20
A1lokalpraeposition4
Praepositionen_hinher
Praeposition21
Praeposition22




Gioco



A1 Luogo



Stato in luogo (domanda: wo?)

sempre dativo





Moto a
luogo (domanda: wohin?)
Accusativo (eccezione: "zu")





verbi: sein/war, wohnen, bleiben, stehen, liegen, sitzen
verbi: fahren, gehen, stellen, setzen, legen, fliegen






Luogo dove si sta/è stati

Luogo dove si va
Ich bin/war…

Ich gehe/fahre…
in città/paesi senza articolo
Florenz, Deutschland, Italien

nach città/paesi senza articolo Florenz, Deutschland, Italien
zu Hause (casa mia)
nach Hause (casa mia)
bei persone, istituzioni, nei pressi di
beim Arzt, beim Frisör, bei der Bank, beim/am Bahnhof 

zu + dativo persone, istituzioni, in direzione di
zum Arzt, zum Frisör, zur Bank, zum Bahnhof
in luoghi chiusi, delimitati, paesi con articolo:
im Kino, in der Schule, in der Schweiz, im Ausland

in +acc. luoghi chiusi, delimitati, paesi con articolo
ins Kino, in die Schule
in die Schweiz , ins Ausland
an acque, vicino "a contatto"
am Meer, am Rhein, am Gardasee, an der Nordsee, am Tisch

an +acc. acque, vicino "a contatto"
ans Meer, an den Rhein, an den Gardasee, an die Nordsee, an den Tisch
auf luoghi aperti, piazze, strade
auf dem Land, auf der Straße, auf dem Balkon

auf +acc. luoghi aperti, piazze, strade
aufs Land, auf die Straße, auf den Balkon

Il moto dal luogo si forma con la preposizione "aus" + dativo


L’uso delle preposizioni di luogo

Per le città e i Paesi (che normalmente non hanno l’articolo) e per la propria casa si usa la preposizione “nach” per indicare il moto a luogo:

  • Ich fahre nach Frankreich (vado in Francia),

  • Er fährt nach München (lui va a Monaco),

  • Ich ziehe nach Amerika (mi trasferisco in America),

  • Ich gehe nach Hause (vado a casa),

  • Sie kommt immer spät nach Hause (lei arriva sempre tardi a casa).


Per indicare lo stato in luogo sempre per le città e i Paesi si usa la preposizione “in”:

  • Ich wohne in Florenz (vivo a Firenze),

  • Ich wohne in Berlin (abito a Berlino),

  • Ich bleibe 3 Monate in England (rimango in Inghilterra per 3 mesi).


Per dire “sono a casa mia” si usa l’espressione „zu Hause“ - Ich bin zu Hause.


Per dire che mi muovo verso una persona o verso un’istituzione pubblica dove ho da sbrigare
brevemente una cosa o per indicare soltanto la direzione generica del mio movimento uso la
preposizone “zu” che regge sempre il dativo:
  • Ich gehe zu Maria (vado da Maria),

  • Ich gehe zur Post (vado alla posta),

  • Ich gehe zur Polizei (vado alla polizia),

  • Wo geht es zum Bahnhof? (come si arriva alla stazione?)

  • Ich muss zum Zahnarzt (devo andare dal dentista).


Per dire che sono stato o sto presso una persona o un’istituzione pubblica uso la preposizione
bei” che regge sempre il dativo:
  • Ich war beim Zahnarzt (sono stato dal dentista),

  • Ich arbeite bei der Telecom (lavoro presso la (alla) Telecom),

  • Um 5 bin ich bei dir (alle 5 sarò da te),

  • Warst du schon bei der Bank? (Sei gia stato in banca?)



La prep. „in“ si usa per tutti i luoghi chiusi o circoscritti, sia per indicare moto, sia per indicare

lo stato in luogo. Quando è moto uso l’accusativo, quando è stato uso il dativo (esempi di moto e stato a confronto):
  • Ich gehe ins Kino (“in das” - accusativo neutro contratto a “ins“) - vado al cinema

  • Ich war im Kino (“in dem” – dativo contratto a “im”) - sono stato al cinema

  • Ich gehe ins Cafe - vado al bar

  • Ich war im Cafe - sono stato al bar

  • Ich muss ins Büro gehen - devo andare in ufficio

  • Heute ist es mir im Büro schlecht gegangen - sono stato male in ufficio

  • Ich steige in den Zug (accusativo maschile) - salgo sul treno

  • Ich bin immer noch im Zug - sono ancora sul treno

  • Ich gehe in die Schule - vado a scuola

  • Ich habe in der Schule eine gute Note bekommen - ho preso un buon voto a scuola.



La preposizione “an” si usa per tutte le acque (mari, laghi, fiumi) e per situazioni dove ci si
trova di lato con contatto. Quando è moto uso l’accusativo, quando è stato uso il dativo (esempi di moto e stato a confronto):
  • Ich setze mich an den Schreibtisch - mi metto alla scrivania

  • Ich war 4 Stunden am Schreibtisch - sono stato 4 ore alla scrivania

  • Im Sommer fahre ich immer ans Meer - in estate vado sempre al mare

  • Letzten Sommer war ich am Meer – l’estate scorsa sono stato al mare

  • Gehen wir an den Main, um das Feuerwerk zu sehen - andiamo sul Meno per vedere i fuochi d’artificio

  • Frankfurt liegt am Main - Francoforte è sul Meno

  • Ostern fahren wir an die Nordsee – a Pasqua andiamo sul mare del nord

  • An der Nordsee weht immer ein frischer Wind - sul mare del nord c’è sempre molto vento

  • Viele Deutsche fahren an den Gardasee - molti tedeschi vanno sul Lago di Garda

  • An welchem See liegt Garda? - presso quale lago si trova la città di Garda?



auf” che si usa per le superfici “aperte”: strade, piazze e la campagna

  • Ich gehe aufs Land - vado in campagna

  • Ich wohne auf dem Land - abito in campagna

  • Ich bin auf der Straße - sono sulla strada




Hin und her
La particella "hin", molto usata, indica un movimento di allontanamento da colui che parla.
Combina di solito con i verbi gehen/fahren/stellen/legen e risponde alla domanda "wohin?".
La particella "her" indica invece un movimento di avvicinamento a colui che parla. Combina con il verbo "kommen".

A seconda che il movimento sia di allontanamento (via da me) o di avvicinamento (verso di me) le due particelle combinano con le preposizioni di luogo e nascono degli avverbi di moto a luogo.


Hinauf
(su), hinunter (giù), hinein (dentro), hinaus (fuori), hinüber (al di là)……gehen,
herauf (su, verso di me), herunter (giù, verso di me), herein (dentro vs. di me), heraus (fuori vs. di me), herüber (al di qua)….kommen

"Herein!" Si usa per dire "avanti", quando bussano alla porta. "Kommen Sie bitte herein!" (dentro, verso di me)

E' importante ricordarsi che il verbo "kommen" combina quasi sempre con "her". "Vieni qui! Komm (hier)her" e non "komm hier".

Nella lingua parlata questa distinzione fra hin e her spesso non viene rispettata e si usano le forme colloquiali rein, raus, runter, rauf, rüber in sostituzione.