A1A1/A2
B1/B2 C1/C2


zurueck














weiter

verbi 
costruzione
articoli/aggettivi
sostantivi
pronomi
preposizioni
avverbi
pronuncia/numeri
varie




affermativa
interrogativa
secondaria
infinitiva
negazione
attributi



Esercizi

A1satzbau4
A1satzbau5
A1satzbau6
A1satzbau7
A1satzbau8
A1satzbau17
satzbau9
satzbau10
satzbau14
satzbau16
satzbau18
satzbau 22
satzbau 21





 La frase affermativa

La principale caratteristica e difficoltà della costruzione tedesca è la rigidità con la quale deve essere posizionato il verbo: la regola è, tutto sommato, semplice e chiara:


Regola prima per la costruzione
  • Nella frase affermativa il verbo coniugato va sempre in seconda posizione.

  • L’altro pezzo del verbo e, più precisamente, il prefisso separabile, l’infinito e il participio passato, va in ultima posizione.


La costruzione della frase tedesca si riduce cosi alla seguente formula 



elemento
Verbo elemento
(pronome)
elemento elemento elemento elemento elemento (VERBO 2) (infinito
participio prefisso)



2° posizione





ultima posizione












Nasce una "strana" struttura – in tedesco si chiama “Verbklammer” (grappetta del verbo, o anche pinza del verbo) – che, proprio per la sua semplicità e rigidità, rappresenta un difficile problema per lo studente. Non si tratta tanto di ricordarsi la regola, ma di applicarla, sempre e comunque, anche se, in un certo senso, basta saper contare fino a due.

I restanti elementi della frase, soggetto, complementi, etc. possono essere – più o meno – posizionati intuitivamente e similmente a quanto avviene nell’italiano e creano pochi errori.

La frase tedesca inizia con il 1o elemento che può essere di qualsiasi tipo – il soggetto, un avverbio di tempo, un complemento di luogo, una secondaria – quasi non esistono restrizioni. L’importante è ricordarsi che subito dopo il primo elemento della frase deve assolutamente seguire il verbo coniugato e che il secondo pezzo del verbo deve andare in fondo alla frase.
 
Altre regole per la costruzione
  • Le congiunzioni und , aber, oder, sondern, denn non contano, stanno, per così dire, in posizione “0”.
     
  • I pronomi devono sempre stare vicino al verbo (immediatamente prima o dopo). 

  • Gli avverbi stanno vicino al verbo e precedono il complemento. 

  • Vale normalmente la sequenza (modo) – tempoluogo. 

  • I complementi con preposizione vanno tendenzialmente in fondo.

  • Il complemento di termine va prima del complemento oggetto. Quando entrambi sono pronomi, si invertono; vale però sempre la regola dei pronomi.



Facciamo qualche esempio:

Gestern bin ich mit Freunden ins Kino gegangen














Heute muss er lange im Büro arbeiten














Ich  rufe dich morgen bei der Arbeit
an














Am Morgen frühstücke ich gerne lange












Wahrscheinlich habe ich den Schlüssel zu Hause liegen lassen














Heute ist  leider wieder einmal das Essen versalzen














In den Dolomiten kann man sehr gut  Ski laufen












Wenn ich es nicht besser wüsste, würde ich dir gerne Recht geben